Come creare un buon gruppo di lavoro

Quando i gruppi di lavoro sono dinamici ed efficaci risultano essere una risorsa fondamentale per le organizzazioni. Esistono numerosi modi per sviluppare l’efficienza e il potenziale delle persone che lavorano in squadra e per far crescere il gruppo.

Lavorare in gruppo offre il vantaggio di prestazioni integrali, spesso migliori rispetto al lavoro del singolo poiché i pregi di ciascun membro si amalgamano e creano qualcosa di superiore all’unità singola. In una squadra di successo le azioni di ogni partecipante sono coordinate e orientate verso la realizzazione di uno scopo condiviso. Ognuno ha un ruolo preciso ma tutti sono interdipendenti e si appoggiano a vicenda per eseguire bene il compito.

Per arrivare a questo livello di collaborazione serve fiducia, che si sviluppa solo con una buona comunicazione, con la competenza e l’impegno a cooperare.

Quando si parla di gruppi è fondamentale conoscere alcuni concetti fondamentali:

 

  • Ruolo: ciascun membro del team ha una mansione distinta all’interno del gruppo.
  • Norme: i membri del gruppo accettano certe regole comportamentali non scritte (per esempio fino a che ora lavorare), che influiscono sul comportamento individuale.
  • Coesione: fra le altre variabili, il senso di unità e fiducia rafforzano il gruppo e permettono la continuità della collaborazione.
  • Conflitti: la collaborazione o la concorrenzialità all’interno di un gruppo determineranno la sua efficacia nel superare gli scontri.
  • Modello mentale: una buona squadra ha una comprensione comune dei compiti, degli strumenti e della situazione.
  • Interdipendenza: il coinvolgimento dei membri all’interno del gruppo è determinato dal livello di accettazione individuale degli obiettivi generali e dalla disponibilità all’impegno.

 

Il modello di Tuckman

Lo psicologo Bruce Tuckman propone cinque fasi di sviluppo e crescita di un gruppo. L’avanzamento nelle fasi permette di affrontare le sfide e trovare soluzioni condivise.

  • Formazione: i membri fanno conoscenza reciproca, si trasmettono informazioni su sé stessi, apprendono il progetto e i ruoli di ciascuno, stabiliscono le regole di base per la collaborazione (es: un gruppo di uccelli che deve migrare deve lavorare insieme per sopravvivere durante il lungo viaggio).
  • Turbolenze: nei primi tempi di collaborazione i membri competono per la posizione da ricoprire nella squadra. Da opinioni divergenti possono sorgere conflitti su azioni e metodologie (es: gli uccelli decollano e stabiliscono le rispettive posizioni in volo).
  • Regole: i membri iniziano a sentirsi parte del gruppo. Si concentrano meno sugli obiettivi individuali e più sul lavoro condiviso ed efficace, creando processi e procedure (es: gli uccelli creano una formazione a V e quelli in posizione avanzata faticano di più).
  • Prestazione: il gruppo funziona ad alto livello, i membri collaborano e creano un’atmosfera aperta e fiduciosa. Si sostengono a vicenda e sono concentrati per realizzare l’obiettivo comune (es: gli uccelli cambiano regolarmente posizioni, occupando a turno quella più avanzata).
  • Aggiornamento: quando il progetto si avvicina al completamento, il gruppo valuta il lavoro svolto, festeggia i successi e analizza cosa può migliorare. I membri si salutano e procedono verso nuovi progetti (es: all’arrivo, gli uccelli si disperdono in cerca di cibo).

BIBLIOGRAFIA

Hemmings, J. (2018). Come funziona la psicologia. London, UK. Dorling Kindersley Limited.

Come contattarmi

Contattami telefonicamente al 348 952 72 44

oppure mandami un messaggio compilando il seguente form:

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Francesco Borgia - MioDottore.it

Dove ricevo

presso lo Studio 5
in via Giuseppe Giusti 23/a
Lecco

Quando ricevo

Ricevo su appuntamento dal lunedì al sabato.

Indirizzo

  • via Giuseppe Giusti 23/a
  • 23900 Lecco

Contatti

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
©
powered by 3Bit