L'abuso di sostanze

Quasi 30 milioni di persone del mondo soffrono per il disturbo da abuso di stupefacenti. Il DSM V definisce questo disturbo come “una condizione grave in cui l’abuso di alcool e droghe, spesso in combinazione, porta a problemi fisici e psicologici che incidono negativamente sulla vita lavorativa o domestica della persona”.

I sintomi includono l’uso di sostanze per poter funzionare quotidianamente; l’assunzione di sostanze anche quando si è da soli; l’uso continuativo pur sapendo che danneggiano, salute, relazioni e lavoro; perdita di interesse per altre attività; ridotta capacità lavorativa; trascuratezza verso il proprio aspetto e i propri bisogni primari; confusione, letargia, depressione; attività delinquenziali.

Il consumo di bevande alcoliche può portare ad un aumento del peso, alta pressione sanguigna, maggior propensione alla depressione, danni epatici e al sistema immunitario. Le sostanze stupefacenti sono associate a disturbi mentali come depressione e disturbi della personalità. Spesso l’abuso di sostanze è un comportamento deliberato, magari incoraggiato o tollerato dall’atmosfera sociale del tossicodipendente. Stress, famiglie disfunzionali e pressioni sociali possono aggravare il problema.

 

La diagnosi

I criteri diagnostici per la valutazione della gravità dell’abuso sono catalogati secondo 11 comportamenti:

Perdita del controllo personale

  • Uso della sostanza in quantità maggiori o più a lungo rispetto a quanto si intendesse all’inizio.
  • Desiderio di ridurre la quantità utilizzata ma incapacità di farlo.
  • La persona spende sempre più tempo per procurarsi le sostanze, usarle e riprendersi dal consumo.
  • Un desiderio sempre maggiore verso la sostanza, tanto da non riuscire più a pensare ad altro.

Danno sociale

  • Uso continuato nonostante si sia consapevoli dei problemi causati sul lavoro o in casa.
  • Uso continuato nonostante i litigi in famiglia e la perdita delle amicizie.
  • Rinuncia ad attività sociali e ricreative, per cui si trascorre sempre meno tempo con amici e familiari, isolandosi.

Uso rischioso

  • Sotto l’influsso della sostanza, si adottano comportamenti sessuali pericolosi, o si mettono in pericolo se stessi e gli altri, ad esempio guidando, usando macchinari o nuotando in mare.
  • Uso continuato nonostante si sappia che la sostanza peggiora i disturbi fisici o psicologici (ad esempio bere sapendo di avere un problema epatico).

Criteri farmacologici

  • Sviluppo di tolleranza per la sostanza, per cui servono dosi sempre maggiori per ottenere gli stessi effetti. Ogni sostanza ha un livello diverso per raggiungere la tolleranza.
  • Sintomi da astinenza come nausea, sudorazione e tremori se si smette l’assunzione.

 

Le cure

Psicoterapia: con l’obiettivo di analizzare i comportamenti e le concettualizzazioni che causano la dipendenza così da cambiare la mentalità del paziente.

Sostegno psicologico: gruppi come Alcolisti Anonimi posso risultare fondamentali nel sostenere il paziente nel percorso di allontanamento dalla sostanza.

Centri di disintossicazione: nei casi più gravi è necessario rimuovere la persona dal suo contesto ed inserirla in un sistema protetto e controllato per un periodo di tempo.

 

BIBLIOGRAFIA

World Drug Report (2017). United Nations Office on Drugs and Crime.

Hemmings, J. (2018). Come funziona la psicologia. London, UK. Dorling Kindersley Limited.

Come contattarmi

Contattami telefonicamente al 348 952 72 44

oppure mandami un messaggio compilando il seguente form:

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Invalid Input

Francesco Borgia - MioDottore.it

Dove ricevo

presso lo Studio 5
in via Giuseppe Giusti 23/a
Lecco

Quando ricevo

Ricevo su appuntamento dal lunedì al sabato.

Indirizzo

  • via Giuseppe Giusti 23/a
  • 23900 Lecco

Contatti

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
©
powered by 3Bit